LA NOSTRA IDEA 2.0
Per dirla con Don Milani nulla è più ingiusto di dare opportunità formative uguali a persone diverse. Per questo il nostro Collegio ha deciso di proporre Idea 2.0 per una classe con notevoli complessità (forte presenza alunni immigrati, di etnie diverse, con grande differenziazione dei livelli partenza). Potremmo così rispondere meglio ai bisogni emergenti di inclusione e di potenziamento delle competenze degli alunni in italiano come lingua di vita, in inglese e nelle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) come strumenti per la cittadinanza globale.
L’Idea 2.0 sarebbe quella di dotare ogni alunno di ipad o tablet pc resi interoperabili fra loro e con la Lavagna Interattiva Multimediale (software open source) per:
1) sperimentare l’uso del libro digitale con contenuti autoprodotti dall’équipe educativa al fine di recuperare lo svantaggio scolastico personalizzando gli interventi educativi anche attraverso le TIC.
Unità d’apprendimento interattive differenziate sarebbero prodotte per rispondere a stili di apprendimento diversi e per apprendere partendo dai molteplici vissuti che si sono casualmente incontrati in questa classe fortemente multiculturale.
2) supportare il cammino dal multiculturalismo all’intercultura in “classi 2.0 telematiche aperte” (ADSL+ wifi + Powerline + … ) mediante video conferenza/mailing/social software/… con le scuole del mondo con cui siamo in rete, per instaurare dinamiche inclusive verso la costruzione di una società cosmopolita globale (A. Giddens), praticando cooperative learnig in locale ed in remoto;
3) coinvolgere anche le famiglie in questo processo con corsi per adulti e potenziando la corresponsabilità educativa e didattica (“comunità educante”).
Si lavorerà sia sugli apprendimenti formali che informali.
Alunni e famiglie saranno più attivi e consapevoli rispetto alle TIC (strumento di cittadinanza attiva e responsabile nella società della conoscenza) ma anche sui “rischi della rete” e di un eccesso di “virtuale”.
Il progetto, fortemente ancorato col curricolo innovativo introdotto dal 2009 nel nostro istituito scolastico con l’avvio della sperimentazione dell’International Primary School” , si svilupperà utilizzando soluzioni miste in presenza on line.
Le verifiche degli apprendimenti sarà sia interna che esterna (Cambridge University).
Le dotazioni tecnologiche casa/scuola saranno integrate rendendo sostenibile nel tempo e trasferibile l’innovazione. I Libri digitali prodotti saranno condivisibili con accordi di rete.
Una banca locale potrà finanziare alle famiglie acquisti di dotazioni tecnologiche (fornite gratuitamente dalla scuola in uso per i meno abbienti). Sono stati contattati alcuni sponsor per cofinanziare il progetto.
Due Comuni sono coinvolti per sperimentare l’erogazione di fondi al posto di cedole librarie alla scuola (che fornirà agli alunni il “libro digitale dinamico” al posto del libro cartaceo) e nei processi sull’ntercultura (Intesa interistituzionale “Cosmopolis”).

Leggi il nostro Progetto