IL PROGETTO DELL'I.I.S.A.G DI TERNI



Cl@ssi2.0

MODULO TRASVERSALE
Ambiente e Paesaggio
Le trasformazioni ecosistemiche, storiche, legislative del rapporto uomo-ambiente:
il costruito nel paesaggio
Docenti coinvolti
Braca Elisabetta
Carollo Anna Stella
Cingolani Mauro
Crescentini Maria Antonietta
Cresta Maurilio
Fabbretti Roberto
Ghidini Laura
Guiducci Sandro
Moretti Ercole
Moschet Silvano
Passagrilli Michela
Servi Mirella
Torcolacci Loredana
Traini Cristina
Finalità generale del Progetto
Dare centralità agli apprendimenti, ai nuovi saperi, allo sviluppo delle competenze, in quanto, anche nello spirito della recente Riforma, nell’ambito del biennio si contribuisce a definire meglio il profilo in uscita dello studente, pronto ad affrontare nel triennio gli insegnamenti professionalizzanti. La centralità sui nuclei fondanti l’epistemologia delle discipline, relazionati in modo multidisciplinare e trasversale alla definizione delle abilità e delle competenze, permette di intervenire per indurre gli stessi docenti a potenziare le indispensabili capacità di costruire un curriculum mirato alla acquisizione delle competenze dei saperi di indirizzo. La novità relativa all’acquisizione dei saperi disciplinari sarà offerta nell’insegnamento utilizzando metodologie attive, la loro correlazione multi e pluridisciplinare, in grado di offrire allo studente la possibilità di strutturare i propri apprendimenti attraverso la creazione di prodotti multimediali su quei contenuti didattici finalizzati all’uso nei diversi settori lavorativi e/o comunicativi.
Destinatari
Comunità scolastica: classe 2B e relativo Consiglio di classe; classe 2C in qualità di classe di controllo.
Finalità trasversali
  • Trasformare l’ambiente di insegnamento/apprendimento tramite soluzioni hardware e software per motivare gli studenti allo studio, privilegiando l’aspetto metacognitivo delle discipline e l’approccio didattico costruttivista;
  • potenziare le abilità sociali dei soggetti in apprendimento e le abilità collaborative dei docenti;
  • progettare, pianificare, realizzare e validare le normali attività didattiche con vari strumenti multimediali;
  • potenziare il ruolo attivo degli studenti nell’attività di apprendimento.
Rapporti con istituzioni esterne
MIUR
Università degli Studi di Perugia
Ufficio Scolastico Provinciale
Centri Ambientali
Risorse umane
Docenti del Consiglio di classe della 2 B
Risorse materiali
LIM con collegamento a Internet
Fotocamera digitale con telecamera incorporata e cavalletto
Un netbook per ciascun alunno
6 PC fissi collegati in rete
Telecamera per documenti
Stampante con scanner
Armadio per ricaricare i netbook
Microfono e cuffie
3 Tablet con chiavetta Internet
Software: GeoGebra, software di simulazione scientifica, CAD, Net Support School, Moodle
Durata biennale
Secondo anno di attività
Metodologie generali del Progetto
  • § Lezione frontale per la proposizione di contenuti disciplinari o con approccio pluridisciplinare, facendo ricorso all’utilizzo di anticipatori d’ascolto e a seguire brainstorming per la verifica dei pre-requisiti e il lavoro sui miss/concetti.
  • § Cooperative learning per temi o per progetti, per approfondimenti e per attività condotte in collaborazione con Agenzie esterne o per il recupero di soggetti con svantaggio di apprendimento.
  • § Lezioni tramite LIM, preparate da ogni docente sui nessi delle proprie discipline e in modo reticolare ai temi pluridisciplinari.
  • § Utilizzo di vari software didattici reperiti anche tramite navigazione in Internet.
  • § Simulazioni, tramite giochi, costruzione di prodotti; costituiranno anche strumento di verifica di contenuti e di percorsi, dal “sapere” al “saper fare” dello studente.
  • § Problem solving anche come verifica del possesso delle competenze acquisite, per la costruzione dei percorsi di apprendimento personalizzati rispetto a temi trattati dal C.d.c..
  • § Studio di casi che presuppone una pianificazione dell’attività complessa e in collaborazione con Agenzie Educative esterne.
  • § Creazione di mappe concettuali, presentazioni in PowerPoint, piccoli prodotti mutimkediali tematici, filmati etc. quali sintesi dell’intero o di parti del percorso personalizzato di apprendimento.
  • § Lettura di e-book, anche con programmi di sintesi vocale.
Ruolo della tecnologia
  • Consente di indagare i “saperi disciplinari” sia in modo sintetico che articolato, utilizzando tutti gli aspetti della “metacognizione” coinvolgendo più livelli di “percezione” e molteplici linguaggi che possono essere ricostruiti per ogni modulo didattico confezionando piccoli software (da PowerPoint, al CAD, a windows media player etc…) sia in qualità di docenti per la proposizione dei contenuti, sia come prodotto degli studenti in quanto esito della conoscenza acquisita e risultato del lavoro di apprendimento;
  • permette il lavoro di gruppo, nel quale realizzare l’inclusione sociale di chi ha problemi di apprendimento e di recuperare reciprocamente abilità sociali da potenziare, che per alcuni sono la motivazione, l’interesse, l’utilizzo di linguaggi privilegiati etc…;
  • consente il recupero dello svantaggio, didatticamente permettendo una maggiore capacità di recupero dei prerequisiti mancanti e nello stesso tempo assicurando un lavoro didattico che coinvolge il processo di acquisizione degli apprendimenti a lungo termine e nel processo di memorizzazione, e in termini di apprendimenti significativi per l’acquisizione vera delle competenze;
  • permette di motivare il lavoro didattico dell’Istituto che è un istituto tecnico, chiamato ad operare direttamente sull’ambiente, e che ha nella “operatività” un aspetto cogente del proprio indirizzo di studi, indirizzo che prevede un buon livello di capacità individuali e parimenti un buon livello di capacità sociali nel saper cooperare in ambiente di lavoro.
Diffusione
Attraverso Blog http://classi20.wordpress.com/, siti di scrittura collaborativa http://classi2-itg-tr.wikidot.com/start, attraverso il sito della scuola http://www.iisagterni.it/.



Pianificazione delle fasi operative


I fase – iniziale

Rielaborazione del materiale raccolto per la sistematizzazione dei pre-requisiti, attraverso il completamento del lavoro del precedente anno scolastico; documentazione dei “prerequisiti” disciplinari per la “Conoscenza e Lettura del Paesaggio”.
II fase - intermedia

Prosecuzione dell’indagine diretta sul contesto territoriale anche in modalità “disciplinare”ed approfondimenti relativi alla epistemologia delle diverse discipline per avere conoscenze sul tema del rapporto uomo/ambiente dal punto di vista delle “trasformazioni”.
Produzione materiale documentario di carattere disciplinare.
III fase - finale

Sistematizzazione dei materiali disciplinari rispetto alle seguenti necessità:
-conoscere l’ambiente;
-conoscere il paesaggio;
-leggere l’ambiente: le trasformazioni antropiche e paesaggistiche;
-conoscere il concetto di sostenibilità e ritrovare le specifiche declinazioni disciplinari;
-comparare i saperi acquisiti nella prima e seconda fase con il concetto di sostenibilità ambientale.



DISCIPILINA e DOCENTE:
Italiano – Prof. Crescentini Maria Antonietta


ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Origini della conca ternana e della città di Terni – manufatti abitativi: storia e letteratura.
Le “storie e leggende” sugli elementi vegetazionali relativi all’uscita didattica del 9/6/2011.

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
-Letture e brani dal mito alla tradizione medioevale;
-il testo poetico: struttura e funzioni;
-la metafora del progresso umano come “viaggio” attraverso la selezione di brani e poemi.
Abilità
-Saper elaborare testi secondo le tipologie esaminate;
-saper comparare le funzioni dei vari testi studiati;
-saper ricercare e selezionare il materiale secondo obiettivi prefissati;
-saper osservare l’ambiente che ci circonda secondo indicatori dati;
-saper elaborare scalette espositive sugli argomenti studiati;
-saper valorizzare la propria ricerca individuale integrando vari linguaggi comunicativi (iconografici, multimediali etc..).
-saper lavorare in gruppo.
Competenze
-Saper riconoscere nell’ambiente le diverse tipologie di insediamento umano;
-saper riconoscere periodizzare le produzioni letterarie;
-saper comporre elementi oggettivi ad elementi emotivi, fantastici etc. nelle produzioni testuali.

Descrizione attività da svolgere

Ricostruzione in classe del lavoro svolto nel precedente anno scolastico componendo un PowerPoint illustrativo da esporre ad un incontro con i genitori.
Pianificazione del lavoro dell’anno in corso; articolazione dei lavoro individuali e di gruppo; distinguendo tra pre-requisiti di apprendimento e contenuti da approfondire.

Ricostruzione in gruppo dei diversi segmenti di lavoro nelle diverse discipline, individuare connessioni ed alterità.
Individuazione della diversa tipologia dei manufatti disegnati nelle uscite dello scorso anno.
Ricercare materiale storico e documentario degli aspetti antropici e vegetazionali.
Elaborare riassunti e sintesi, producendo forme testuali richieste.
Elaborare ricerche sulle tipologie del diverso uso delle piante officinali e non
(lavoro trasversale a Scienze della Terra e biologiche e Scienze e tecnologie applicate).
Uscita nella città di Terni per osservare i manufatti della Terni romana e medioevale – reportage fotografico.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche

Archivio di Stato
Museo Archeologico
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Storie e leggende sul territorio ternano.
La relazione uomo-ambiente-paesaggio in un’ottica sostenibile.

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
-Il testo poetico; struttura, analisi e commento;
-lettura di varie tipologie testuali: romanzo autobiografico, resoconti di viaggi in forma di Diario, romanzo sentimentale, romanzo storico;
-il concetto dell’Ambiente in relazione al paesaggio;
-il concetto della sostenibilità ambientale.
Abilità
-Saper comporre in modo autonomo le fasi di una progettazione di lavoro individuale;
-saper collaborare in gruppo;
-saper elaborare in forma scritta relazioni;
-saper trovare fonti documentarie su uno specifico argomento nelle opere in prosa;
-saper riprodurre la struttura scritta di diverse forme testuali.
Competenze
-Saper negoziare con gli altri le soluzioni problematiche emergenti in un contesto di studio e/o di lavoro attraverso adeguate simulazioni;
-saper comporre in gruppo un prodotto sintesi dei lavori individuali.


Descrizione attività da svolgere

Uscita sul fiume Nera per presa visione del territorio e del lavoro di ricerca-azione svolto dalla CASALIGHA
Produrre testi espositivi e creativi (storie/leggende/poemi etc..). in relazione agli aspetti esaminati nelle diverse discipline.
Ricerca di documenti sul concetto della sostenibilità ambientale.
Ricerca di documenti e di fonti, non solo letterarie, sulla relazione uomo/ambiente/paesaggio.
Produzione di materiale in PowerPoint sul modulo realizzato.
Produzione di “lezioni” tematiche sui singoli argomenti trattati in gruppo.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche

CASALIGHA
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)
Le trasformazione del rapporto uomo ambiente in relazione al Paesaggio: cause e conseguenze.
Il concetto di sostenibilità ambientale come nuovo profilo “etico”.

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Le trasformazioni del territorio attraverso l’analisi di testi poetici e testi in prosa;
-la trattazione delle cause e delle conseguenze delle trasformazioni di un territorio attraverso la lettura di brani “specialistici”.
Abilità
Saper comprendere un testo specialistico;
-saper individuare in un testo specialistico connessioni pluridisciplinari;
-saper effettuare analisi oggettive e previsionali in base ad indicatori dati;
-saper individuare e ipotizzare soluzioni sostenibili a situazioni date (attraverso simulazioni di tipo individuale).
Competenze
-Saper individuare le criticità di una situazione, il contesto, le possibili variabili che ne definiscono la specificità;
-saper ideare soluzioni in grado di risolvere le criticità di ambiti conosciuti secondo determinate variabili e secondo un elenco di indicatori innovativi.

Descrizione attività da svolgere

Uscita alla centrale di Galleto ed alla cascata delle Marmore per la conoscenza dell’ecosistema fluviale.
Ricercazione materiale sulle trasformazioni della nostra città: dal ‘300 alla pre-industrializzazione.
Lettura di brani sui resoconti di viaggio.
Lettura dei documenti internazionali sull’”etica della sostenibilità”.
Simulazioni individuali relativi all’analisi di situazioni problematiche, di carattere sociale e/o tecnico.
Composizione di lezioni individuali sugli argomenti trattati attraverso la realizzazione individuale di prodotti in PowerPoint.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche

ACTL






DISCIPILINA e DOCENTE:
Scienze della Terra e biologia – Prof. Passagrilli Michela


ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

La classificazione delle specie botaniche presenti nelle zone collinari del territorio ternano

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Anatomia delle piante e il loro ciclo riproduttivo, gli adattamenti delle piante all’ambiente in cui vivono.
Abilità
Saper individuare gli elementi utili alla classificazione delle specie botaniche.
Competenze
Osservare, descrivere e analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità;
collaborare e partecipare alle attività di gruppo.

Descrizione attività da svolgere

Gli studenti lavoreranno in gruppo per effettuare ricerche e raccogliere tutti gli elementi utili per compilare schede di osservazione delle piante relative alle specie botaniche raccolte durante l’uscita didattica effettuata il 09/06/2011.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Il verde urbano

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Evoluzione, biodiversità e classificazione dei viventi, con particolare riferimento al Regno Vegetale.
Abilità
Riconoscere alcuni esempi di adattamento degli organismi a un dato ambiente.
Competenze
Saper spiegare i principali meccanismi dell’evoluzione e l’origine della diversità dei viventi, confrontare i meccanismi della selezione artificiale e naturale.

Descrizione attività da svolgere

Sviluppare i contenuti proposti ed approfondirli attraverso la consultazione di siti Internet e portali web specifici e attraverso le uscite didattiche proposte.

Realizzare semplici esperienze laboratoriali utilizzando il microscopio.

Documentare le uscite didattiche attraverso fotografie, raccolta di dati ed eventuali campioni.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche

Uscita didattica in città per analizzare il verde urbano e studiarne le problematiche relative
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Sistematizzazione dei materiali prodotti

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
I viventi e l’ambiente.
Abilità
Rielaborare gli argomenti studiati e gli approfondimenti effettuati con sistematicità.
Competenze
Cogliere collegamenti e correlazioni ed operare considerazioni personali.
Comprendere gli elementi essenziali alla base di un equilibrato rapporto tra uomo e ambiente e assumere atteggiamenti consapevoli nei confronti dell’ambiente in cui viviamo.

Descrizione attività da svolgere

Rielaborare il materiale e i dati raccolti e produrre lavori su file relativi alla fase precedente.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche



DISCIPILINA e DOCENTE:
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica e Scienze e tecnologie applicate – Prof. Fabbretti Roberto e Prof. Cresta Maurilio



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Rrielaborazione dei dati acquisiti tramite GPS e del materiale fotografico riguardante flora, edifici e paesaggi relativo all’uscita didattica del 9/6/2011
OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Materiali da costruzione
Flora del territorio ternano.
Abilità
-Saper riconoscere i vari tipi di materiali da costruzione nell’edificio analizzato;
- saper riconoscere le specie arboree e/o coltivazioni che caratterizzano un habitat naturale o contaminato dall’uomo.
Competenze
Individuare le trasformazioni operate dall’uomo sul

territorio nel corso dei secoli.

Descrizione attività da svolgere

Lavori di gruppo per la archiviazione delle mappe degli itinerari percorsi nell’uscita didattica e per la selezione del materiale fotografico.
Pubblicazione sui siti di Google di mappe e foto selezionate.

Compilazione schede di osservazione degli edifici per le parti relative alle ricerche programmate.

Formazione di varie pagine di lettura del paesaggio, in base al

materiale fotografico prodotto nell’ uscita, disponibile in forma digitale anche nel Web.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Valorizzazione delle aree del territorio ternano

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Strumenti per l’analisi di un paesaggio.
Abilità
- Saper individuare le opere infrastrutturali (strade, ferrovie, sentieri, elettrodotti) che interessano il territorio oggetto di studio;
-saper individuare le scelte fatte in merito all’ubicazione, alla tipologia ed ai materiali delle costruzioni.
Competenze
- Realizzare progetti per valorizzazione delle aree oggetto di studio.

Descrizione attività da svolgere

La visita didattica al Museo di Costacciaro sarà occasione per studiare come far conoscere le meraviglie di un Parco naturale, illustrandone, anche con modelli funzionanti, gli aspetti geologici, idrologici, paleontologici ecc.

Proposte di valorizzazione delle aree del territorio ternano oggetto di studio, sull’esempio di detto Museo.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche

CENS Museo di Costacciaro
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Lettura del paesaggio.

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Elementi per la lettura del paesaggio.
Abilità
- Saper scomporre scene di paesaggio in piani e ridisegnarli semplificando la struttura per facilitare la lettura;
- saper indicare un percorso sulla cartografia esistente;
- effettuare rilevazioni in loco.
Competenze
Saper individuare le trasformazioni operate dall’uomo sul

territorio nel corso dei secoli.
Saper leggere il Paesaggio, enucleando tutti gli aspetti che lo compongono: struttura geologica, regime idrico, fenomeni gravitativi, vegetazione, clima, attività umane.

Descrizione attività da svolgere

Raccolta di scene di lettura del paesaggio.

L’uscita in Val Serra, lungo il percorso attrezzato dal CAI, sarà occasione per vedere le bellezze paesaggistiche e l’integrazione di un percorso ferroviario ormai in simbiosi con il torrente.

Lo sport outdoor sarà occasione per conoscere nuovi ambienti vicino casa, dove la natura ancora è protagonista (in collaborazione con l’insegnante di scienze motorie).

Documentare adeguatamente, con l’ausilio di schede omogenee, le varie osservazioni sul campo e rielaborale a scuola.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
CAI per discesa della Val Serra



DISCIPILINA e DOCENTE:
Religione cattolica – Prof. Traini Cristina



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Paesaggi in Genesi 1

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
La creazione come relazione di Dio con l’uomo in Genesi1.
Abilità
Saper leggere e interpretare il linguaggio dei testi biblici.
Competenze
Sviluppare un senso di corresponsabilità dell’uomo nella cura del creato.

Descrizione attività da svolgere

Ricerche, lettura e commento dei paesaggi descritti in Genesi 1.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Paesaggi in Genesi 2

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
L’uomo in relazione con Dio e il Creato in Genesi 2.
Abilità
Saper leggere e interpretare il linguaggio dei testi biblici.
Competenze
Sviluppare un senso di corresponsabilità dell’uomo nella cura del creato.

Descrizione attività da svolgere

Ricerche, lettura e commento dei paesaggi descritti in Genesi 2.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)
Spunti di riflessioni dal cortometraggio “L’uomo che piantava gli alberi”.

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Senso morale e religioso.
Abilità
Saper cogliere il messaggio di un racconto allegorico.
Competenze
Porsi domande di senso in ordine alla ricerca di un’identità e di una responsabilità libera, degna e consapevole.

Descrizione attività da svolgere

Visione del cortometraggio “L’uomo che piantava gli alberi (regia di Frederic Back, tratto dal racconto di Jean Giono).

Relazione scritta con riflessioni sulle tematiche trattate nel film.

Discussione guidata.
Collaborazioni esterne




DISCIPILINA e DOCENTE:
Diritto ed economia – Prof. Cingolani Mauro



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Attività dell’ARPA

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Conoscere le attività e la funzione dell’ARPA.
Abilità
Esprimere semplici ma corrette valutazioni su quesiti tratti dalla attualità giuridica, economica e sociale.
Competenze
Riscontrare nella realtà quotidiana gli elementi di conoscenza acquisiti.

Descrizione attività da svolgere

Ricerche con collegamento al sito dell’ARPA e siti giuridici.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Il Corpo forestale dello Stato

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Conoscere le attività e la funzione del Corpo forestale dello Stato.
Abilità
Esprimere semplici ma corrette valutazioni su quesiti tratti dalla attualità giuridica, economica e sociale.
Competenze
Riscontrare nella realtà quotidiana gli elementi di conoscenza acquisiti.

Descrizione attività da svolgere

Ricerche con collegamento al sito del Corpo forestale dello Stato e siti giuridici.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Delitti ambientali

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Conoscere la definizione di delitto ambientale.
Abilità
Esprimere semplici ma corrette valutazioni su questioni ambientali.
Competenze
Riscontrare nella realtà quotidiana gli elementi di conoscenza acquisiti per la salvaguardi del patrimonio ambientale.

Descrizione attività da svolgere

Ricerche con collegamento a siti giuridici relativamente al tema trattato per reperire materiale. Dibattito e commento sulle normative individuate.
Collaborazioni esterne




DISCIPILINA e DOCENTE:
Matematica – Prof. Braca Elisabetta


ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Prerequisiti per lo studio dei grafici nel piano cartesiano

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Il piano cartesiano
Equazione della retta.
Abilità
Rappresentare il grafico di una retta nel piano cartesiano.
Competenze
Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole sotto forma grafica.

Descrizione attività da svolgere

Acquisire conoscenze e comparare differenti sistemi di riferimento utilizzando risorse reperite in Internet.
Acquisire contenuti e abilità al fine di rappresentare grafici nel piano cartesiano.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Le fasi dell’analisi statistica

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
I dati statistici.
La frequenza e la frequenza relativa.
La rappresentazione grafica dei dati mediante ortogramma, istogramma,areogramma, diagramma cartesiano, ideogramma.
La media aritmetica, la media ponderata, la mediana e la moda.
Abilità
Trasformare una frequenza relativa in percentuale.
Rappresentare graficamente una tabella di frequenze.
Determinare il campo di variazione di una serie di dati.
Competenze
Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche.

Descrizione attività da svolgere

Introduzione allo studio della statistica effettuando ricerche e reperendo risorse in Internet.

Acquisizione dei contenuti e delle abilità al fine di effettuare un’indagine statistica.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Statistiche ambientali

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Fasi dell’analisi statistica.
Abilità
Saper trattare i dati di un’indagine statistica.
Competenze
Interpretare i risultati di un’indagine statistica ambientale per effettuare scelte consapevoli.

Descrizione attività da svolgere

Gli studenti analizzeranno i contenuti dell’Agenda 21 e i dati relativi a indagini ambientali pubblicati nel portale della Regione Umbria “Umbria@Geo” e dal Ministero dell’Ambiente. Effettueranno analisi statistiche utilizzando indicatori ambientali; dovranno studiare, effettuare ricerche ed esercitarsi in gruppo o individualmente, consultare ed analizzare sistematicamente il materiale didattico, rielaborare i dati dello studio e della ricerca. Utilizzeranno il programma Excel per costruire grafici.
Collaborazioni esterne

DISCIPILINA e DOCENTE:
Inglese – Prof. Ghidini Laura



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Raccontare del passato

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Past Simple e Past Continuous.
Abilità
Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi relativi all’ambito personale e sociale.
Utilizzare in modo adeguato le strutture grammaticali.
Competenze
Arricchire i vari codici linguistici.

Descrizione attività da svolgere

Gli alunni descriveranno oralmente esperienze passate; interagiranno in gruppo in conversazioni brevi e semplici per descrivere luoghi ed eventi nel passato.
Acquisiranno un lessico specifico per descrivere materiali utilizzati nella costruzione di edifici.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Descrivere il proprio ambiente in diverse epoche storiche

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Conoscenze linguistiche grammaticali, sintattiche e lessicali adeguate per una comunicazione articolata.
Abilità
Saper comunicare oralmente e in forma scritta in modo ordinato i contenuti culturali appresi.
Competenze
Applicare consapevolmente procedure di rielaborazione personale e di interpretazione critica dei contenuti.

Descrizione attività da svolgere

Gli studenti selezioneranno materiale fotografico della Provincia di Terni in varie epoche storiche. Reperiranno notizie storiche relative a tali immagini e le tradurranno in lingua inglese. Le foto e le relative descrizioni saranno pubblicate sul sito Internet http://www.historypin.com/.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Parlare e relazionare circa esperienze scolastiche significative effettuate nel corrente anno scolastico

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Present Perfect.
Abilità
Saper operare collegamenti interdisciplinari.
Saper descrivere situazioni ed eventi con un lessico specifico appropriato.
Competenze
Integrare i contenuti disciplinari con l’apporto della riflessione su problemi e tematiche ambientali e storiche.

Descrizione attività da svolgere

Relazionare in lingua inglese le esperienze e i lavori effettuati nel corrente anno scolastico sul tema dell’ambiente e del paesaggio menzionando i collegamenti interdisciplinari operati.
Collaborazioni esterne












DISCIPILINA e DOCENTE:
Storia – Prof.ssa Servi Mirella



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Le abitazioni in epoca romana
OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Usi e costumi della civiltà romana
Abilità
Comprendere il cambiamento in relazione agli usi, alle abitudini, al vivere quotidiano.
Competenze
Saper analizzare documenti, reperti per cogliere analogie e differenze.


Descrizione attività da svolgere

Reperire notizie e descrivere il un documento la domus in generale ed effettuare un confronto con la casa greca. Reperire notizie e descrivere il un documento la domus augustea e flavia analizzando le differenze.
Reperire notizie e descrivere il un documento la domus relativamente alla struttura interna e all’utilizzo (materiali costruzione, impianti di illuminazione e riscaldamento, decorazioni e affreschi) discutendo le differenze tra domus e insula.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

La curtus, la casa del signore

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Usi e costumi della società feudale
Abilità
Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l’osservazione di eventi storici e di aree geografiche.
Competenze
Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche, relativamente agli edifici.

Descrizione attività da svolgere

Reperire ed elaborare informazioni relative agli edifici di epoca Medioevale (Alto Medioevo) presenti nel nostro territorio.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo
della terza fase
(marzo/aprile/maggio)

Il Castello nell’età Medievale

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Usi e costumi della civiltà medioevale
Abilità
Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l’osservazione di eventi storici e di aree geografiche.
Competenze
Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche, relativamente agli edifici.














Descrizione attività da svolgere
Reperire ed elaborare informazioni relative agli edifici di epoca Medioevale presenti nel nostro territorio.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche






DISCIPILINA e DOCENTE:
Fisica – Prof. Guiducci Sandro e Prof. Moschet Silvano


ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Forme e fonti di energia

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Conoscere Leggi e Principi fisici relativi allo studio dell’energia.
Abilità
Saper enunciare leggi e principi. Saper risolvere problemi di semplice applicazione.
Competenze
Saper analizzare un problema individuandone gli elementi significativi e formalizzando i dati.

Descrizione attività da svolgere

Lezioni dialogate e lavori di gruppo favoriranno negli alunni la capacità di comunicare ed esprimere il loro pensiero sui contenuti specifici della disciplina utilizzando un linguaggio tecnico-scientifico.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Produzione di energia nel rispetto dell’ambiente

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Fonti di energia rinnovabili.
Abilità
Saper ricevere e fornire informazioni con linguaggio scientifico.
Competenze
Assimilare i metodi dell’indagine scientifica ed essere in grado di usarli autonomamente.

Descrizione attività da svolgere

I contenuti verranno elaborati in modo da sviluppare negli alunni l’attitudine alla valutazione critica stimolando la curiosità e l’interesse per questioni etiche in particolare di rispetto della sicurezza e della sostenibilità dello sviluppo scientifico, partendo sempre da collegamenti con le loro esperienze personali o fatti di cronaca. In particolare gli studenti effettueranno ricerche per conoscere gli studi condotti degli scienziati italiani Rossi e Focardi, relativi alla produzione di energia tramite fusione nucleare.
Impareranno così ad interpretare criticamente un’informazione di tipo scientifico ricevuta in ambiti diversi e da diverse fonti, imparando a valutarne l’attendibilità e l’utilità.
Collaborazioni esterne




DISCIPILINA e DOCENTE:
Chimica – Prof. Carollo Anna Stella e Prof. Torcolacci Loredana



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Le reazioni chimiche

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Equilibrio chimico, Acidi e basi, pH.
Abilità
-Saper classificare sostanza acide e basiche.
- Saper usare le scale per la misurazione del pH.
Competenze
Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale. Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni chimiche a partire dall’esperienza.

Descrizione attività da svolgere

Gli studenti impareranno a distinguere le sostanze acide da quelle basiche.
In laboratorio chimico, anche virtualmente, effettueranno alcune esperienze, con materiali naturali, presentando la relativa relazione.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Studio delle sostanze responsabili dell’inquinamento dell’ambiente

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Sostanze inquinanti.
Basi teoriche: acidi e basi, ossidoriduzioni e idrocarburi.
Abilità
Gli studenti impareranno a distinguere tra le sostanze quelle responsabili di fenomeni di inquinamento indoor e ambientale.
Competenze
Essere consapevoli delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate.

Descrizione attività da svolgere

Gli studenti in gruppo effettueranno delle ricerche sui principali inquinanti di aria, acqua e suolo, relazionando e presentando la loro ricerca a tutta la classe; collegheranno i lavori prodotti con quelli realizzati con altri docenti della classe.

In laboratorio chimico, anche virtualmente, effettueranno alcune esperienze, con materiali naturali, presentando la relativa relazione.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)

Materiali ecocompatibili

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Materiali usati in campo edile.
Abilità
Saper individuare le principali applicazioni di alcuni materiali da costruzione in base alle loro caratteristiche.
Competenze
Effettuare scelte consapevoli nella selezione dei materiali da usare nella progettazione di edifici.

Descrizione attività da svolgere

Gli studenti in gruppo effettueranno delle ricerche sui materiali da costruzione ecocompatibili, relazionando e presentando la loro ricerca a tutta la classe; collegheranno i lavori prodotti con quelli realizzati con altri docenti della classe.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche



DISCIPILINA e DOCENTE:
Scienze motorie e sportive – Prof. Moretti Ercole



ARGOMENTO del Modulo della prima fase (ottobre/novembre/dicembre)

Preparazione atletica e tecnica

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Tecniche e strumentazione per la pratica sportiva outdoor.
Allenamenti specifici per il miglioramento delle capacità coordinative.
Abilità
Capacità di adattamento a situazioni di equilibrio precario e di risposta in chiave dinamica a situazioni e sollecitazioni impreviste.
Competenze
Capacità di orientamento spazio – temporale.

Descrizione attività da svolgere
Attività fisica in palestra.
Esercitazioni con metodo “circuit training” e “intervall training” per il potenziamento aerobico con ripetizione dei vari gesti atletici che saranno utilizzati all’aperto.
Studio della tecnica di base delle varie discipline proposte.
Proiezione di filmati tecnici e approfondimenti sul Web.
Parallelamente a quanto sopracitato, si cercherà di creare una banca dati relativa ad alcuni test motori affrontati ed elaborati dagli studenti, fruibile negli anni per evidenziare i miglioramenti.
Utilizzo di una telecamera per filmare le prove e poi rivedere gli eventuali errori (feed back).
Collaborazioni esterne/uscite didattiche
ARGOMENTO del Modulo della seconda fase (gennaio/febbraio/marzo)

Attività fisica all’aperto

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Tecniche e strumentazione per la pratica sportiva outdoor.
Abilità
Saper leggere una carta topografica.
Saper usare la bussola.
Competenze
Capacità di adattamento a situazioni di equilibrio precario e di risposta in chiave dinamica a situazioni e sollecitazioni impreviste.

Descrizione attività da svolgere

Escursioni a piedi, in mountain-bike, canoa, arrampicata nel parco fluviale del Nera: le pratiche motorie e sportive realizzate in ambiente naturale saranno un’occasione fondamentale per orientarsi in contesti diversificati e per il recupero di un rapporto corretto con l’ambiente; esse inoltre favoriranno la sintesi delle conoscenze derivanti dalle altre discipline scolastiche nella terza fase.
Lettura sul posto delle carte topografiche per un riscontro visivo con l’ambiente e la rispondenza tra cartografia e territorio.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche

Parco fluviale del Nera
ARGOMENTO del Modulo della terza fase (aprile/maggio)
Analisi dell’esperienza della seconda fase

OBIETTIVI SPECIFICI disciplinari
Conoscenze
Strumenti e tecniche per la pratica delle attività sportive effettuate.
Abilità
Saper descrivere le fasi di preparazione ed esecuzione di un’attività fisica outdoor.
Competenze
Potenziamento della capacità di osservazione diretta dell’ ambiente ed approfondimento delle conoscenze scolastiche.
Affinamento della capacità di lavorare e vivere in gruppo educando alla accettazione e al rispetto degli altri in una logica di collaborazione.

Descrizione attività da svolgere

Elaborazione di un prodotto finale anche di tipo multimediale per raccontare e trasmettere le esperienze vissute.
Collaborazioni esterne/uscite didattiche



Metodologie di controllo

Fase Finale

Obiettivi
Indicatori
Modalità di rilevazione
Valore atteso
Costruire un curriculum sul tema dell’Ambiente e del Paesaggio in chiave multidisciplinare.

Utilizzare le nuove tecnologie per rinnovare la didattica ordinaria.
Realizzazione di prodotti multimediali.
Prestazione degli alunni nel monitoraggio effettuato dal MIUR.
Pubblicazione su siti preposti alla documentazione del progetto.
A cura del MIUR.
Rendere misurabili e duraturi i cambiamenti nella didattica dovuti all’introduzione delle TIC.
Miglioramento dell’efficacia dell’azione didattica.
Terni, 17 Novembre 2011
Il responsabile del Progetto
Braca Elisabetta