LA NOSTRA IDEA 2.0La nostra idea 2.0 intende potenziare l'apprendimento disciplinare nella classe III C del 3° Circolo Didattico di Perugia, tramite i processi di innovazione e sperimentazione metodologico/didattica con modalità e-learning. Ciò perché il team docente, pur operando da tempo con metodologia laboratoriale, ha rilevato la difficoltà di tenere coeso e unitario il sapere disciplinare che è contemporaneamente fortemente complesso e fortemente frammentato. L'unitarietà del sapere viene spesso tradotta in una selezione dei migliori materiali, che premiano solamente alcuni alunni; è forte il rischio di emarginare i contributi meno elaborati, con conseguente frustrazione dei bambini che pure si sono impegnati nella loro realizzazione, a maggior ragione se diversamente abili o di diversa nazionalità. Poiché si ritiene che ciascuno, nessuno escluso, abbia il diritto di contribuire a ricomporre il "puzzle del sapere" (determinante per la sana formazione individuale) e che il sapere stesso possa accrescersi tramite lo scambio e il confronto metacognitivo nel gruppo dei pari (siano essi compagni di aula o "amici di tastiera" online), si è elaborato il presente progetto interdisciplinare. Esso si basa sulla trasformazione della tradizionale organizzazione d'aula in un peculiare ambiente di lavoro in cui ogni alunno possa beneficiare di postazioni informatiche (net-book) utili ad intraprendere percorsi di apprendimento personalizzati, con il supporto di una LIM dove condividere idee e informazioni comuni e di altri strumenti tecnologici di completamento. Tali mezzi possono essere efficacemente utilizzati anche dai due alunni diversamente abili e dai due bambini non italiani.Si ipotizza la realizzazione di "cartelloni virtuali" costituiti dagli elaborati di tutti i bambini, dai prodotti raccolti attraverso internet, da interviste svolte in videoconferenza e filmati/immagini. Ogni alunno si sentirà gratificato dall'aver contribuito al percorso di apprendimento di tutti e nello stesso tempo avrà l'opportunità di riflettere sul proprio e altrui elaborato, sino a giungere ad una condivisa e ricca composizione di informazioni e conoscenze, utili a tutti. Con gli "amici di tastiera" (alunni frequentanti scuole estere in Svizzera, Grecia e Bahrain con i quali siamo già in contatto e-mail) si potranno scambiare tali documenti, organizzare conversazioni in videoconferenza, tracciare una storia formativa all'interno di un ambiente aperto, in cui ognuno ha diritto di "parola", sino a costruire un patrimonio collettivo della cultura organizzata per la classe.Il team docente assumerà, così, il ruolo di facilitatore per sollecitare la soluzione delle difficoltà cognitive appositamente predisposte, secondo il modello vigotskiano di apprendimento, operando in stretta sinergia, con l'obiettivo di valorizzare l'autoapprendimento con modalità e-learning. Le attività didattiche verranno realizzate in collaborazione con il Dipartimento di Informatica - Università degli Studi di Perugia.


Leggi il nostro Progetto